bisogna Scegliere

Ed ecco a voi un bell’esercizio, determinante come pochi per mettere alla prova la mia facoltà di scelta.

Adesso scrivo una paginetta di parole, e alla fine scelgo se cliccare su send o su delete.

Vediamo come va.

Se alla fine non vedrete niente, vorrà dire che avrò scelto delete.

 

L’altra sera sono uscita con una delle Amiche più illuminanti che ho.

Lei è perfetta, soprattutto quando le tocca ascoltarmi da sola perché quegli altri che sarebbero bravi a farlo sono troppo troppo lontani.

Siamo uscite.

“Dai, ti porto in quel posto brutto e squallido, dove però la pizza la fanno buona. Anche se sono così stanca che non so nemmeno se mi va di mangiare pizza.”

Questo fanno le Amiche: scelgono un posto brutto con una pizza buona perché TU hai voglia di pizza.

E poi stanno ad ascoltare le tue congetture ferme in un loop, e ti parlano di sé facendoti però sentire che sono lì per te.

Sono fortunata, lo so.

E poi alla fine se ne vanno, probabilmente più stanche di quanto già non fossero dopo una di quelle giornate eterne coi piedi nelle scarpe col tacco. Se ne vanno e ti salutano “lo sai, Anna, che non si può combattere contro tutto. Bisogna scegliere le proprie battaglie!”

Scegliere.

Ancora.

Mi pareva di avere risolto il problema quando avevo sentito radicarsi la consapevolezza che è meglio avere pace che avere ragione. Avevo rinunciato alla ragione e …

Scegliere la propria battaglia.

Credo di avere scelto di non combattere. Vale?

Niente battaglie.

Mi restano solo poche scaramucce:

  • scrivere col computer, o a mano (e solo a pochi)?
    Ho un paio di inchiostri nuovi … e un pennino che pare meraviglioso ….
    Vada per il corsivo inglese!
  • Dare peso o avere peso?
    fisicamente è facile (ridere, prego!), ma nel cuore …. Mi piacerebbe avere per me più peso di quanto ne dia agli altri. E invece, nel cuore e solo lì seguo una dieta rigida tanto quanto sorprendentemente efficace.
    Mi impegnerò in un bel insideout!
  • Preoccuparsi di tutto quel che si deve o occuparsi di tutto quel che si può?
    oh, beh …. Più di quel che puoi fare … che puoi fare?

Va bene: evidentemente il fuori stagione è fatto per esercitarsi nelle scelte.

Si sceglie se pubblicare una pagina piena di parole ma senza contenuto, oppure se in assenza di contenuto evitare anche di liberare nel nulla parole come sospese.

Si sceglie, perché il fuori stagione è il tempo delle scelte.

Thè o caffè?

Mare o montagna?

Bianco e nero o colori?

…. Vabbè, si sceglie, ma come, quando, e soprattutto cosa?

 

… lo scopriremo solo vivendo ….

(scommetto che hai canticchiato!)

… non rileggo nemmeno, perchè mi viene da schiacciare Delete ….

Un pensiero su “bisogna Scegliere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...